Home 2019-12-17T20:11:43+00:00

ASCOLTA LA RADIO

(per ascoltare da smartphone o tablet, premere il tasto triangolare)

… la prima radio che dà ascolto ai musicisti sardi!

APPUNTAMENTI

Eventi, Mostre, Concerti, Etc. in Sardegna

(in fase di aggiornamento)

Segni

9.11.2019 – 31.12.2019 | ore 18:30  |  Oristano (OR), Via Mazzini, 88 |  ingresso libero

SEGNI è una mostra collettiva di arte contemporanea che vede la partecipazione di 20 artisti impegnati a raccontare al pubblico, all’interno di un supporto di formato standard 20×20 cm., la propria intima poetica svelata con i segni e i significati che contraddistinguono il fare artistico di ognuno di loro.
L’obiettivo è quello di favorire la conoscenza e la valorizzazione dei poliedrici linguaggi espressivi della contemporaneità artistica anche attraverso i codici utilizzati, influenzati da meccanismi esterni per alcuni, da un immaginario introspettivo e intimista per altri.
Segni che evidenziano la complessità della scena artistica contemporanea e che sintetizzano in modo diretto e deciso il nostro presente, disegnando nello stesso tempo universi, atmosfere e geografie inedite.

Segni è ospitata da Arrubiu Art Gallery Cafè, attivo nell’ambito della valorizzazione dell’arte contemporanea, strategico per diffondere l’arte contemporanea interessando tipologie di fruitori sempre più eterogenee, per dare impulso a un’arte che dialoghi in modo più diretto e vivo con il sociale..

ARRUBIU ART GALLERY CAFE’ –  Via Mazzini, 88  –  Oristano
9 novembre – 31 dicembre 2019 >> ingresso libero
INAUGURAZIONE MOSTRA 9 novembre ore 18,30

Locandina mostra L'Esploratore Ritrovato

Barumini – Centro Giovanni Lilliu

Dal 23 giugno 2019 al 31 gennaio 2020 il Centro di Comunicazione e Promozione del Patrimonio Culturale “Giovanni Lilliu” di Barumini ospita la mostra L’esploratore ritrovato nella Sardegna di fine ‘800 dedicata a Luigi Maria D’Albertis: esploratore, naturalista, botanico e filantropo italiano.

L’esploratore, nato a Voltri nel 1841 e morto a Sassari nel 1901, è noto per le sue numerose avventure: a diciannove anni si unì alla Spedizione dei Mille di Garibaldi, per poi unirsi al gruppo dei naturalisti genovesi capeggiati dal marchese Giacomo Doria e partire per la Nuova Guinea insieme al botanico Odoardo Beccari, dove contribuì in maniera significativa alla scoperta di territori all’epoca inesplorati. Si deve a lui la scoperta di numerose specie di uccelli, serpenti, insetti e piante fino ad allora sconosciute. Nel 1880 pubblicò il diario dei suoi viaggi: Alla Nuova Guinea, quello che ho veduto e quello che ho fatto.

La mostra vuole però raccontare al pubblico gli aspetti meno noti della vita di Luigi Maria Albertis: gli anni passati in Sardegna prima della morte e il legame con suo cugino, il Capitano Enrico Maria D’Albertis, anch’egli navigatore ed esploratore. Grazie ai documenti d’archivio e alle fotografie inedite scattate dal Capitano D’Albertis è stato possibile ricostruire i legami tra i manufatti di produzione isolana, i reperti provenienti dalla Nuova Guinea, i manoscritti, i documenti d’archivio e gli oggetti personali appartenuti ai due cugini.

La mostra è curata dal Comune di Barumini e dalla Fondazione Barumini Sistema Cultura, in collaborazione con il Comune di Genova e il Castello D’Albertis Museo delle Culture del Mondo (Genova).

Organizzazione:  Fondazione Barumini Sistema Cultura